Ogni nostra azione è come una goccia che cade nell’acqua e crea onde, riverberi e luci. 

Questo Spazio di un Sogno è stato creato per offrire un respiro, un movimento, un’esperienza positiva e un sollievo a chi vuole stare meglio sia fisicamente che emozionalmente. A chi si sente compresso da una vita quotidiana pressante.

Il sogno, il respiro, il movimento, le arti e i valori umani sono le armi più rivoluzionarie che abbiamo per contrastare il malessere.

Questo Spazio desidera anche aiutare le persone ad instaurare l’abitudine quotidiana di eseguire semplici movimenti, tecniche di respirazione, stretching, tecniche di auto-massaggio, attività fisiche e attività creative per migliorare il proprio benessere psicofisico. Ognuno ha il suo Spazio e il suo Sogno.

  • Maura Garau, Produttrice Educativa, Autrice, Scrittrice, Fondatrice dello Spazio di un Sogno e del progetto BenessereGiornaliero
  • Frédérique Guern, Psicologa, Operatrice e Formatrice Shiatsu, Consulente al progetto BenessereGiornaliero
  • Stefano Andrade, Insegnante di Arti Marziali, Fondatore di Pneumatraining®, Consulente al progetto BenessereGiornaliero

 

BREVE BIOGRAFIA DI MAURA

Maura Garau
Maura Garau

Sono sempre stata affascinata dalle discipline orientali, dall’arte e dalle diverse lingue e culture.

Ho iniziato la mia vita professionale come art director. Nel frattempo ho completato la mia laurea in Lingue e Letterature Straniere e ho continuato a studiare diverse discipline orientali; dalle arti marziali, alla meditazione, allo shiatsu.

Lavoro con progetti educativi dal 1991.

Ho fondato CyberItalian.com, un sito web dedicato all’insegnamento della lingua e della cultura italiana via Internet, perché credo che i valori umanistici debbano essere promossi e diffusi in tutto il mondo.

Ho creato lo Spazio di un Sogno, il progetto BenessereGiornaliero.com e ho scritto il libro Il Tuo Rinascimento, perché credo che per migliorare il mondo, dobbiamo prima iniziare da noi stessi.

Mi definisco Produttrice Educativa poiché attraverso i miei progetti, studi e ricerche voglio ridare un significato autentico alla parola “educare” (dal latino “ex-ducere”, condurre fuori, far emergere). Il miglior progetto educativo è quello che permette ad ogni persona di esprimere (portare fuori) il meglio di sé.

Mi piace aiutare ogni persona a sviluppare il potenziale e il talento che possiede e a vivere una vita creativa e sana.

RINGRAZIAMENTI

Sono felice di ringraziare i miei insegnanti di discipline orientali per come mi hanno aiutato a crescere e a capire che il benessere è una parte essenziale della nostra vita e non può essere posticipato né sottovalutato.

  • Sensei Elliot Zgodny, nel 1990 a New York, è stato un grande insegnante di karate e il primo a mostrarmi che le arti marziali riguardano anche la guarigione, e che oltre all’allenamento fisico dobbiamo studiare, coltivare e praticare l’aspetto energetico. Mi ha aperto un Mondo.
  • Per capire meglio cosa fosse l’aspetto energetico, iniziai anche a studiare shiatsu con Sensei Ohashi.
    Ricordo che, nella sua prima lezione, Sensei Ohashi ci mostrò lideogramma giapponese della parola “Uomo”. Essendo piccolo di statura, chiamò uno dei suoi allievi più alti, si appoggiarono l’uno contro l’altro mimando l’ideogramma e poi Ohashi disse: “Io qui rappresento il più piccolo segno dell’ideogramma, il mio studente è il segno più grande. Siamo due uomini che si sostengono a vicenda, c’è una relazione. Se ci stacchiamo all’improvviso, cadiamo.”

Il concetto di “Uomo” è proprio quello di un essere umano che sa di non essere solo e che si relaziona con gli altri esseri, con il mondo che lo circonda e con l’Universo.

La via verso l’aspetto energetico e come si applica al nostro essere e al mondo che ci circonda, divenne per me sempre più misteriosa e affascinante.

  • Continuai a studiare ed ebbi il privilegio di incontrare degli insegnanti di alta qualità: Gabriella Poli, Giovanna Ipsevich, Anna Christa Heindrich, Klaus Metzner, Peter Itin, Eva Maria Schulte, Cliff Andrews, Pauline Sasaki, Dianne Connelly. Mi permisero di sperimentare cosa significa integrare il nostro corpo, mente e spirito, sviluppare la visione oltre ciò che vediamo e sentire il movimento energetico oltre i muscoli, i tendini e le ossa.
  • Allo stesso tempo, il grande rigore e la profondità dell’insegnamento di Sensei Paolo Taigō Kōnin Spongia mi hanno offerto l’opportunità di capire come ciascuna delle nostre azioni debba essere diretta – qui e ora – il risultato di una mente e un corpo unificati e sinceri.
  • La generosità dell’insegnamento e le conoscenze del Maestro Stefano Andrade mi riportano continuamente a quanto siano importanti il nostro benessere e il rilassamento quotidiano, in modo che possiamo muoverci con chiarezza, efficienza e un cuore grande e compassionevole.

Desidero anche ringraziare i miei insegnanti di arte per come mi hanno aiutato a capire che il bello e “l’inutile” sono una parte essenziale della nostra vita umana e non possono essere sottovalutati.

  • Il monaco benedettino Bonifacio O.S.B. (Lorenzo Salice) del monastero di San Pietro di Sorres in Sardegna, che – a sua volta allievo di Giorgio Morandi – mi ha tramandato le regole della prospettiva e dell’arte pittorica.
  • Il professor Barboro della Scuola Politecnica di Design a Milano, che mi ha fatto capire che anche un semplice carattere tipografico contiene un’anima e una storia (il Bodoni ad esempio).
  • Mary Dinaburg, per il tempo che mi ha dedicato a discutere di arte e ad insegnarmi a vedere un’opera.
  • Gregory Amenoff e Jerry Saltz che durante il mio Painting Studio Residency alla School of Visual Arts di New York mi hanno insegnato a non avere paura di niente.
  • Milli Gandini per aver condiviso con me la sua grande visione dell’arte ed avermi incluso come artista nelle sue mostre a Milano ai tempi dello Spazio Anfossi.

Da ogni insegnante, in un modo o nell’altro, ho imparato che dobbiamo praticare ogni giorno, non per vivere, ma per vivere bene e con alta qualità.

 

FOTOGRAFI

Desidero ringraziare i seguenti fotografi che hanno gentilmente permesso l’uso delle proprie immagini:

  • Alex Bertha per la bellissima foto nella homepage, della donna che guarda il mare e l’orizzonte.
  • Fabiana Rizzi perché i suoi gabbiani sono stimolanti e pieni di energia.
  • Jean Wimmerlin perché ci ricorda che dobbiamo esercitarci quotidianamente e più volte al giorno, come fanno i felini.
  • Bolun Yan per il potente sole nascente, per sostenere il nostro Rinascimento.
  • Herbert Goetsch perché siamo gocce nell’oceano della vita.
  • Humphrey Muleba per la bella foglia che ci fa pensare che ogni contatto possa diramarsi in molte direzioni.
  • Zach Reiner per la radice forte che definisce la nostra informativa sulla Privacy e le Condizioni d’uso del sito.